FUCINO, PREZZI ORTAGGI DIMEZZATI IN UN ANNO

Annunci e commenti

Moderatori: Giammarco De Vincentis, Staff

Rispondi
Avatar utente
Redazione
Redazione del Forum
Messaggi: 2205
Iscritto il: mar apr 19, 2005 5:17 pm
Località: Siamo online in ogni parte del mondo

FUCINO, PREZZI ORTAGGI DIMEZZATI IN UN ANNO

Messaggio da Redazione » mer giu 24, 2009 7:58 pm

FUCINO, PREZZI ORTAGGI DIMEZZATI IN UN ANNO
Oggi 11:00MercatiLe quotazioni sono calate in media del 40-50%. De Vincentis (foto): "In un mese i prezzi delle carote passate da 30 a 5 centesimi"


C’è preoccupazione tra gli operatori ortofrutticoli della zona del Fucino (Abruzzo). Rispetto allo scorso anno i prezzi degli ortaggi si sono dimezzati, annuncia il sito www.terremarsicane.it. A questo fattore si aggiunge l’aumento dei prezzi delle materie prime energetiche, dei fertilizzanti e dei fitofarmaci. Il che comporta minori redditi per le aziende agricole, e maggiori vantaggi per la grande distribuzione. La discrepanza pertanto tra i prezzi dimezzati delle verdure e l’andamento positivo degli ortaggi al mercato (+2%) si deve ricercare nelle spese all’interno dei passaggi di filiera.

Dando un’occhiata ai prezzi degli ortaggi ci si rende conto dei cali consistenti che si sono subiti. I prezzi delle carote è sceso in un anno del 40-50%, toccando i 10-15 centesimi al chilogrammo. Non va molto meglio per i finocchi passati in dodici mesi da 18-22 centesimi a 10-12 centesimi al chilo. Le previsioni per il mercato delle patate, nel Fucino si aprirà a luglio, arrivano dalla zona del napoletano dove il prezzo al chilo è arrivato 8-10 centesimi al chilo.
Immagine
“La situazione è preoccupante – rivela Quinto De Vincentis (nella foto), dell’azienda agricola Orte Be Mar di San Benedetto dei Marsi (L’Aquila). I consumi sono in calo. Con i prezzi che si riescono a staccare non si riescono neppure a coprire le spese. Solo nell’ultimo mese i prezzi delle carote al grezzo sono passati da 30 a 5 centesimi al chilogrammo, anche se poi sugli scaffali i prezzi salgono in maniera esponenziale. Il vero problema – continua De Vincentis – è che in alcuni passaggi all’interno della filiera c’è qualcuno che specula troppo danneggiando i produttori, che rimagono stritolati nella morsa della crisi. Ci sentiamo abbandonati. Per migliorare la situazione servirebbe tuttavia maggiore unione tra i produttori e un controllo sui prezzi”.


Secondo l’Istat l’agricoltura ha conseguito nei primi tre mesi del 2009 un risultato analogo a quello dello stesso periodo del 2008 (+0.1%). Solo una modesta flessione (-1.3%) se il confronto è fatto con gli ultimi tre mesi dello scorso anno. Proprio per ovviare a tale situazione la Cia, Confederazione italiana agricoltori, propone l’istituzione di un mercato generale della Marcia attraverso la riconversione dell'ex zuccherificio per evitare le spese di filiera.

fonte Immagine
Se vuoi scrivere nel Forum degli Innamorati registrati cliccando qui

Rispondi

Torna a “San Benedetto dei Marsi. Succede a San Benedetto”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite