Il profumo degli angeli.

Inserisci i Tuoi Racconti e commentali con noi

Moderatori: scriba, Staff

Rispondi
Ospite

Il profumo degli angeli.

Messaggio da Ospite » mar set 21, 2010 10:02 am

Narra una leggenda di un uomo che viveva in montagna , di tanto in tanto scendeva a valle, incontrava la gente , le passava accanto , la guardava negli occhi e lasciava un sorriso.
In una giornata piovosa d’autunno, quel giorno scese a valle lungo la stradina che portava al santuario del paese . Si respirava una gran pace nell’aria, nonostante il cielo regalava lacrime e il vento soffiava forte.
Quando giunse sul sagrato del santuario si guardò tutt’intorno , il cielo plumbeo faceva da cornice a quell’oasi di pace, mentre la flora prendeva le tonalità del verde scuro , che il cielo le aveva regalato con le sue lacrime.
Quel mattino aveva una gran gioia nel cuore , percepiva qualcosa nell’aria , sensazioni che lo accarezzavano , i luoghi sacri hanno sempre qualcosa di magico che infonde serenità e lui , quell’aria la respirava tutta a pieni polmoni, si sentiva un po’ come a casa sua, come tra le sue montagne.
Un improvviso profumo lo invase, sembrava quasi un profumo di rose o forse di viole, e tornò indietro nel tempo... Quant’era cambiato quel luogo, da quando vi si era recato l’ultima volta, quanti ricordi e quante risposte ai suoi perché , in seguito si erano rivelate ai suoi occhi. “Profumo di viole” si, era quello che aveva sentito allora , ora lo ricordava bene, eppure , non era già più primavera.
Entrò in chiesa si prostrò ai piedi dell’altare , e si mise a pregare , dalle vetrate un raggio di sole gli baciò i capelli, forse un segno, forse doveva andare così , tornò il sereno, un bellissimo cielo azzurro placò le nuvole che il vento aveva spazzato.
Percepì qualcuno alle sue spalle , come se qualcosa legasse gli eventi .
Era una giovane donna , si trattenne pochi minuti a pregare, incrociò i suoi occhi, li scrutò, vi lesse un’immensa dolcezza e più giù nel cuore un velo di tristezza, prego per lui.
Si dice che da quel giorno non si videro più , ma che lei racconto al vento di percepire ogni sua piccola preoccupazione , ogni tempesta del cuore, ogni sua paura.
Che fossero Angeli caduti dal Cielo , legati da uno stesso destino, si seppe nel tempo , quando qualcuno decise di scrivere il resto della storia…


Immagine

Rispondi

Torna a “Racconti e commenti dei Poetixcaso”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite